Per scaricare la locandina > Clicca qui

Per accedere al form di partecipazione > Clicca qui  

Gent.mo/a Socia/o,

l’emergenza Coronavirus ha completamente stravolto le nostre vite ed ora stiamo iniziando a vedere un progressivo ritorno ad una “nuova” normalità.

La nostra Associazione ha cercato di accompagnare i professionisti in questa fase di profonda criticità del nostro Paese, come avrai visto, attraverso:

  • documenti clinici con ARIR sulla Fisioterapia nel percorso clinico del COVID19 e la produzione di una FAD specifica oltre che una serie di interventi per dare visibilità al ruolo del Fisioterapista in questa emergenza;
  • uno stretto rapporto con le 60 Commissioni di Albo di Fisioterapisti nella produzione di documenti di suggerimenti operativi e rimodulazione degli interventi fisioterapici (10/03, 12/03, 20/04, 26/04), compreso indicazioni per il lavoro in acqua con ANIK;
  • una pagina web dedicata all’emergenza dove sono reperibili tutti i documenti clinici, suggerimenti operativi, DPCM, normative regionali;
  • il progetto AIFI Channel con un palinsesto di rubriche, attraverso Youtube e Facebook, per divulgare conoscenze ed esperienze in Fisioterapia.

 

Un cammino di trasformazione associativa

Con l’entrata in funzione di 60 Commissioni di Albo (CdA) territoriali da gennaio 2020, le AIFI regionali stanno interagendo con le CdA, trasferendo loro le conoscenze apprese in questi anni, agendo in sintonia con le CdA della stessa regione per fini comuni nel contesto locale.

A livello nazionale, AIFI sta compiendo una progressiva e completa trasformazione da Associazione Maggiormente Rappresentativa nella sua nuova veste, quella di Associazione Tecnico Scientifica, deputata, alla luce di quanto previsto dalla legge 24/2017 (c.d. Gelli-Bianco) alla produzione e diffusione di linee guida e buone pratiche nei diversi ambiti della fisioterapia.

Questi due elementi hanno spinto la Direzione Nazionale a progettare una profonda trasformazione dell’architettura associativa, per renderla più adeguata alla nuova mission e funzioni a cui AIFI è chiamata che avrebbe visto:

  • dalla attuale forma di Associazione cosiddetta “di secondo livello” che raggruppa 19 AIFI Regionali, ciascuna con il proprio direttivo di 3 o più elementi, il proprio Statuto, i propri revisori dei conti, i propri probiviri, i propri bilanci, le proprie spese e altro;
  • ad una nuova forma di Associazione unica con:
    • GIS e NIS sempre più protagonisti dello sviluppo culturale e scientifico, della promozione delle nostre specializzazioni e della diffusione capillare delle nuove acquisizioni della Ricerca Scientifica;
    • un Comitato Scientifico autorevole che prosegua e intensifichi la produzione di Linee Guida e buone pratiche;
    • un unico collegio nazionale dei probiviri e un unico collegio nazionale dei revisori dei conti per dare unitarietà di azione a questi importanti organi di controllo.

 

Quale era il percorso previsto

Nelle assemblee di dicembre-febbraio abbiamo eletto i delegati del Congresso Straordinario che si sarebbe dovuto tenere il 28-29 marzo a Roma in cui avremmo dovuto approvare il nuovo Statuto della nostra Associazione con Sezioni Regionali snelle e dinamiche, con direttivi composti probabilmente da rappresentanti locali di GIS e NIS e rappresentanti regionali fortemente votati al dialogo con le istituzioni, le associazioni di cittadini, le realtà scientifiche locali;

Laddove il Congresso Straordinario, avesse confermato tale previsione, nel mese di maggio e giugno 2020 si sarebbero dovute tenere le assemblee regionali di trasformazione delle AIFI regionali in Sezioni territoriali della “nuova” AIFI.

Al congresso del 24-25 ottobre 2020 a Roma vi sarebbe stata l’elezione dei nuovi organi direttivi nazionali e la trasformazione sarebbe stata così completata.

 

Come cambia il percorso a seguito del’emergenza Coronavirus

L’emergenza Coronavirus non ha reso possibile tenere in presenza il congresso del 28-29 marzo 2020 e la Direzione Nazionale ha ritenuto non opportuno tenere in modalità online un evento così importante e delicato per la nostra storia associativa. Pertanto è necessaria una modifica del percorso tracciato.

Il 11 aprile 2020 la Direzione Nazionale ha approvato con convinzione e all’unanimità, quindi, la seguente mozione:

In considerazione:

  • del percorso tracciato di trasformazione dell’architettura associativa e di modifica dello Statuto come definito nei verbali delle Direzioni Nazionali precedenti che avrebbe previsto un Congresso straordinario a marzo 2020 e conseguenti congressi/assemblee regionali di recepimento delle modifiche statutarie in maggio-giugno 2020;
  • dell’emergenza sanitaria COVID19 che non consente di mettere in atto il predetto percorso nelle tempistiche e con le modalità previste;
  • della volontà forte di garantire continuità e trasparenza del processo di trasformazione avviato, riconoscendo che il mantenimento degli organi nazionali e regionali in carica garantisce queste condizioni;
  • della disponibilità manifestata dagli attuali direttivi regionali di proseguire nell’impegno associativo, garantendo continuità e uniformità di azione in questa situazione di incertezza;

la Direzione Nazionale delibera:

  • di rinviare al 23-25 ottobre 2020 il Congresso nazionale che discuterà delle modifiche statuarie;
  • di confermare la partecipazione dei delegati già eletti per il congresso di marzo;
  • di garantire la continuità associativa attraverso la permanenza in carica, ove necessario in regime di prorogatio, di tutti gli organi nazionali e regionali come composti alla data della presente deliberazione e ciò rispettivamente sino alla nomina dei nuovi organi nazionali e sino ai congressi regionali di recepimento delle modifiche statutarie che si terranno a compimento del processo successivamente al Congresso nazionale, comunque non oltre il 31.12.2020.

Le Associazioni Regionali recepiranno la presente deliberazione nella prima assemblea, da convocarsi comunque entro il 30 giugno 2020.

A maggio-giugno 2020,quindi, si terranno i congressi delle AIFI regionali che, all’ordine del giorno, avranno la votazione di bilancio e il recepimento  della deliberazione della DN, oltre ad argomenti peculiari di quella regione. I direttivi regionali proseguiranno il loro incarico fino a novembre-dicembre attraverso la presenza degli attuali dirigenti e, in certi casi, con l’aggiunta di nuovi componenti eletti.

Il 24-25 ottobre nel Congresso Nazionale verrà discusso e votato il nuovo Statuto.

Qualora il percorso proseguisse secondo quanto tracciato:

  • a novembre-dicembre 2020 si terranno i congressi regionali straordinari di trasformazione delle AIFI regionali in Sezioni Territoriali con la conclusione del mandato degli attuali direttivi e la nomina dei nuovi incarichi a livello locale attraverso un’assemblea regionale che probabilmente si terrà nello stesso giorno e luogo, subito a seguire;
  • nella primavera 2021 durante il 1° Congresso Scientifico Internazionale della “nuova” AIFI, si terrebbe la Assemblea nazionale dei Soci per la votazione dei nuovi organi a livello nazionale.

 

Convocazione Assemblea Regionale AIFI Veneto

La Direzione Regionale di AIFI Veneto, come da art.9 comma 1 dello statuto, convoca la Assemblea Regionale ordinaria 2020

ASSEMBLEA REGIONALE A.I.FI. VENETO

I soci A.I.FI. Veneto sono invitati all’ Assemblea Regionale che si terrà in prima convocazione alle ore 23,30 del giorno 19 giugno 2020 e, in mancanza del numero legale, in seconda convocazione il giorno 

SABATO 20 GIUGNO 2020 alle ore 10,00

L’assemblea ordinaria dei soci avverrà in modalità on line.

Per organizzare al meglio la gestione dell’evento chiediamo di confermare la partecipazione compilando il form dedicato> Clicca qui  

  Ordine del giorno:

  • Relazione revisori dei conti
  • Approvazione bilancio consuntivo 2019
  • Relazione del Presidente
  • Recepimento della Delibera Nazionale 11 aprile 2020
  • Varie ed eventuali

 

Si ricorda che per partecipare e votare sarà indispensabile essere soci ordinari 2020.

I partecipanti studenti, in regola con l’iscrizione dell’anno 2020, possono assistere all’Assemblea in qualità di uditori.